Alghero, tempo libero nella Riviera del Corallo

/

Da non perdere ad Alghero

Per vivere al meglio Alghero non si possono perdere alcune tappe fondamentali, monumenti, degustazioni, spiagge e paesaggi unici. Qui troverete alcuni consigli sulle cose da non perdere per conoscere al meglio la città.



I monumenti e i siti archeologici


Il Nuraghe Palmavera

Il complesso nuragico Palmavera risale al XIII secolo a.C.: è formato da una torre nuragica più antica e vari fasci murari, con torri-capanne ai suoi vertici.

Intorno si trova il villaggio composto da circa 50 capanne, tra cui quella delle riunioni che conserva al centro un modellino di nuraghe che aveva probabilmente una funzione cultuale.

 

Le Torri e i Bastioni spagnoli.

La fortificazione di Alghero conserva tuttora numerose testimonianze del periodo aragonese e spagnolo.

I Bastioni che si affacciano sul Lungomare Marco Polo con le torri Sulis, Porta a Terra, San Giovanni e San Giacomo costituivano le difese della "Fedelissima".

Anche lungo la costa si possono ritrovare torri aragonesi e spagnole; la torre del Porticciolo e quelle della zona di Porto Ferro: torre Negra, torre Bianca, torre Bantine Sale.

La più grande si trova a Capo Caccia, la torre del Bulo costruita nel XVII sec.

 

La Necropoli di Anghelu Ruju.

La necropoli fu scoperta per caso nel 1903 nel corso di scavi per la costruzione di una casa colonica. E’ costituita da 37 Domus de Janas (case delle streghe) ascrivibili alla Cultura di Ozieri (3500 a.C.).

La necropoli è suddivisa in più celle con decorazioni quali false porte, colonne, cornici, pilastri.

Anghelu Ruju da il nome anche ad un famoso vino prodotto nelle tenute Sella & Mosca.

 

Il centro minerario dell’Argentiera

Esempio di archeologia industriale, il complesso è sorto nell’800 per lo sfruttamento dei giacimenti di piombo e zinco. In disuso al 1962 è inserito in un paesaggio di rara bellezza.

L’edificio più caratteristico è quello della laveria che domina una spiaggia ghiaiosa circondata da rupi.

 

Il mare


Le Grotte di Nettuno

Le grotte sono raggiungibili in barca partendo dal porto di Alghero e visitando tutta la costa fino a Capo Caccia. All’interno della grotta, scavata dall’acqua dolce in milioni di anni, si trova il laghetto "La Marmora", una spiaggia un tempo abitata dalle foche monache e numerose colonne di stalattiti e stalagmiti.

Si può arrivare alle grotte anche tramite una suggestiva scalinata di ben 656 gradini (Escala del Cabirol).

 

Le spiagge "Le Bombarde" e "Lazzaretto"

Vicino a Fertilia, sono caratterizzate dal mare cristallino e molto freddo anche d’estate.

La loro bellezza le ha rese locations ideali per molti spot pubblicitari.

 

L’ Eno-gastronomia


L’aragosta alla catalana

Preparata in modo semplice si gusta il suo vero sapore. Olio, aceto e cipolle.

 

La degustazione dei vini tipici

A pochi km dalla città sorgono le tenute Sella & Mosca dove è possibile degustare ottimi vini locali sia bianchi che rossi.

Da provare il Terre Bianche Torbato Alghero D.O.C.: giallo paglierino si accosta bene al pesce, in particolare coi crostacei.

 

La Sagra del Bogamarì

E’ la festa del riccio di mare, da degustare con un buon bicchiere di vino di Alghero.

Si svolge tutti i fine settimana da gennaio a marzo.

Offerte speciali

Prenota subito la tua prossima vacanza ad Alghero,nel nostro albergo troverai offerte speciali tutto l'anno!

GDS Codes | Sabre: OK 78795 - Worldspan: OK AHOCA - Galileo/Apollo: OK 60997 - Amadeus: OK AHOCAT